5 tagli per Parrucchiera paziente

Ecco i 5 tagli che ti possono capitare se sei una parrucchiera favolosa e hai tanta pazienza, come Miranda meryl_streep_miranda_priestly_devil.jpg

d2a0930043ef4643cab719dc73f4e478.jpg1) Le maestrine, non quelle vere, che insegnano, che sono le ultime a voler fare straordinari, e che qui, da ParruchieriAmo, adoriamo.

Intendo le maestrine di parrucchieria, le hair stylist mancate,  quelle che vengono per far il loro taglio sempre uguale dagli anni Ottanta e poi si girano verso la ragazza nell’altra postazione che sta tagliando i capelli asimmetrici e mozzati come la Barbie di mia figlia treenne, o come Kevin Costner se fosse nato nel Bronx,  e cominciano a pontificare su quanto fanno schifo e stanno male.

dido.jpg
2) Le vedove. Ho visto che è uscito in commercio il dido con le ceneri del marito incorporate. Nonostante la modella che lo pubblicizza mi assomigli molto, (bionda vestita da ragazza del coyote ugly) credo che il genere di vedova che frequenta il mio nafter_partyegozio non ne abbia bisogno e lo confonderebbe con l’after party di  bed head che ha pure il nome un po’ profetico, ma non se ne accorge per compostezza.

3) Quelle che non leggono, non solo i libri o i giornali, ma anche i prezzi affissi, le pubblicità del volantino, le offerte, il “mi piace” da cliccare sulla pagina facebook (cliccate e fatelo ora se non lo avete fatto). Valeria-Golino1Nell’attesa non leggono le riviste: le prendono in mano e ti chiedono consulenza. “Ma che davvero la Golino ha lasciato Scamarcio?”. Io l’unica cosa che vedo della Golino è un bel riccio naturale, con dei colpi di luce impalpabile, ma annuisco.
4) Le ottimiste: capello liscio setoso e fino. “Che dici se faccio una messa in piega a boccoli, oggi che è Giovedì, secondo te fino a 11860r.jpgDomenica per la comunione di mia nipote mi regge?”.
5) Le Pitonate. Pantacollant leopardato e gluteo palestrato, top con spacco tette strabordante, tacco 12, lacci alla schiava, pellicciotto fucsia, trucco Gabriella Ferri mode. “No, te prego non mi fare rossa che mi involgarisce”.

Annunci

Trend Sposa 2016: scegli me!

Per chi si sposa quest’anno questo è il momento delle scelte. Quindi a tutte coloro che passano di qui voglio solo dire “Scegli me, ama me!!” come in Grey’s Anatomy
Io adoro preparare le spose. Quindi se non siete perse dietro uno che non ha nessuna intenzione di sposarvi e vi propone manette e sculacciate con sfumature di grigio annesse – ma senza elicottero – io sono la hairstylist che fa per voi. 50sfumature_parodie_lego
Perché sono aggiornata e ho un sacco di idee, perché collaboro con persone di alto livello in ambito wedding, senza avere prezzi impossibili, perché saprò rendervi felici in modo da accendere la luce negli occhi della persona cui andate incontro. foto matrimonio
Poi se non vi piaccio e preferite la vostra parrucchiera anni ottanta che vi fa spuntare le spalline nella giacca appena guardate la vetrina, sono problemi vostri.
Qui, si segue la moda del 2016, ovvero chioma naturale, capelli semisciolti o sciolti, a seconda del viso e della struttura del capello: liscia, mossa o riccia.


Le decorazioni che vanno per la maggiore sono le coroncine o anche i fiori tra i capelli messi solo apparentemente in modo casuale, in realtà inestirpabili, secondo trucchi geometrici che non potete nemmeno supporre.
La chioma naturale costituisce infatti una delle opere più ardite di una parrucchiera. Per il magico “Si” i capelli si gonfiano grazie a sapienti extension, supporti, modulazioni di onde ingenue e soffici rette da architetture inossidabili.
Siete chic e il flower power non vi si addice? Il Trend 2016 concede anche supporti Anni Trenta in perle o Swarovski in cerchietti e coroncine, ma nulla di rigoroso per l’acconciatura. 2016-extraordinary-bridal-crown-tiaras-bridal
Stesso dicasi per il trucco con eccezioni estreme. Una volta una cliente mi ha raccontato che andando in televisione aveva passato quasi tre ore al trucco e il padre vedendola in trasmissione da casa le aveva detto: “Ah vedi quando stai bene quando non ti impiastricci la faccia !” Tutto merito del Contouring.
Ha iniziato a usarlo anni fa –pesantemente- Jennifer Lopez. j loUn gioco di luci e ombre che si può effettuare con polvere o con creme giocando sui chiaroscuri del viso e mettendo in ombra difetti e rotondità. E’ una pratica di cui non si conosceva il nome ma di cui molte attrici hanno abusato da sempre. Quindi no a cerone, sì a trucchi che ci sono ma non si vedono. jennifer-lopez
Il conturing è una pratica in cui sono abili le professioniste. Ovvero da sole, ve lo dico, non ce la potete fare. Anche perché il trucco sposa è a livelli qualitativi e di tenuta inarrivabili. Noi apriamo occhi sottili, disegniamo ex novo le sopracciglia, apriamo le palpebre con colle, estendiamo le ciglia con ciuffetti.
Per la prima volta quest’anno si osa anche con gli smokey eyes nelle spose. No nero o antracite, ma abbiamo visto alle sfilate molte modelle con tortora, marrone chiaro e oro.
trucco-sposa-kim-kardashianKim Kardashian è la sintesi perfetta di questo nuovo trend (contourage+Smokey eyes) . Ritorniamo però al punto iniziale di Grey’s Anatomy. “Scegliete me” perché ecco cosa può succedere se chiedete il trucco Kim alla persona sbagliata, tipo la cugina che ha fatto la scuola di estetista e ora fa la vigilessa.

Vi dirà: – ma è uguale!

Noi lo abbiamo trovato proprio cercando “trucco sposa alla Kim Kardashian”. Giudicate voi

E c’è pure con il confronto sul conturing.

maxresdefault.jpg

SCEGLIETE ME!

Di millennial e tagli 2016

Forse non lo sapete ma avete un Millennial in casa. Ormai la società ci classifica per gruppi marketing, I millennial sono quelli nati dal 1983 al 2001,  a cavallo della fine del millennio. I genitori di questi sono invece, come me, dei Baby boomer, figli del boom economico.
Qua da ParrucchiermiAmo in verità è un po’ un minestrone di Millennial e Babyboomer.
Ora questi millennial, svezzati a tecnologia e cellulare, a noi baby boomers ci schifano un po’ per alcune cose che abbiamo fatto. Tipo le lampade solari. Loro, bianchi come nobili dell’ottocento, di solito si proteggono dal sole anche in inverno. Lo dice una ricerca pubblicata sulla rivista Forbes in cui si dice anche che i millennial sono  irriverenti, indipendenti, arroganti”. E come baby boomer posso dire con il leitmotiv dei Trettré che…

a me mapare

Ovvero quale generazione di giovani non è stata irriverente, indipendente e arrogante? Sono proprio le caratteristiche della gioventù. Pure di Saffo a Jane Austen avrebbero detto che erano irriverenti, indipendenti e arroganti.
Altre caratteristiche sono più specifiche e sotto gli occhi di tutti: i millennial non possono vivere senza una wifi, la televisione non gli interessa, il telefono fisso è inutile, e forse anche l’automobile.
Sembra una stupidaggine, ma questo cambia radicalmente il modo in cui vivono e i loro interessi sono strettamente legati alle loro scelte, anche quando entrano da ParrucchieriAmo .
Io adoro questi ragazzi, che spesso non ascoltano remissivi i propri genitori, ma sanno affermare, anche con me,  le loro scelte in modo deciso, la loro individualità, . Non solo, quando acquistano un prodotto questo deve essere “potenzialmente fotografabile con il cellulare”. In poche parole la confezione deve raccontare molto a chi lo acquista.
Così noi ci stiamo preparando per sapere in anticipo come andranno i capelli nel 2016 per i millennial, ed ecco cosa possiamo anticiparvi dai siti internazionali
I ragazuomozi, ancora rasati ai lati e con ciuffo superiore,  ma con barba molto meno Antico Testamento.
 

 

 

 

Ma attenzione, si sta sviluppando sempre più il codino alla giapponese.

codino

Per le ragazze continuano tutte le scelte delle sfumature sulle punte, dal  belayage al degradé ma variano molto verso il celeste o per le more tutti gli arancio,  rosa flou, viola.

celesti

I tagli Pixie rimangono di gran moda, soprattutto con l’asimmetria fra un lato e l’altro.

E infine per le giovanissime che se lo possono permettere i bellissimi grigi
curley-Gray-Hair1

Stile maschile

alice sabatini
Voi pensate che sia un caso che Alice Sabatini, Miss Italia, abbia i capelli corti? I capelli corti la precedono ed erano già presenti alle sfilate autunno-inverno della scorsa primavera. Il tutto fa parte di uno “stile maschile” una corrente ancora più ampia, che va ben oltre i capelli e che era stata anticipata sulle passerelle.
E’ la storia della moda amiche, sintetizzata perfettamente da Miranda ne “Il Diavolo Veste Prada”.
prada“Tu apri il tuo armadio e scegli, non lo so, quel maglioncino azzurro infeltrito per esempio, perché vuoi gridare al mondo che ti prendi troppo sul serio per curarti di cosa ti metti addosso, ma quello che non sai è che quel maglioncino non è semplicemente azzurro, non è turchese, non è lapis, è effettivamente ceruleo, e sei anche allegramente inconsapevole del fatto che nel 2002 Oscar de la Renta ha realizzato una collezione di gonne cerulee e poi è stato Yves Saint Laurent, se non sbaglio, a proporre delle giacche militari color ceruleo. […] E poi il ceruleo è rapidamente comparso nelle collezioni di otto diversi stilisti. Dopodiché è arrivato a poco a poco nei grandi magazzini e alla fine si è infiltrato in qualche tragico angolo casual, dove tu evidentemente l’hai pescato nel cesto delle occasioni, tuttavia quell’azzurro rappresenta milioni di dollari e innumerevoli posti di lavoro, e siamo al limite del comico quando penso che tu sia convinta di aver fatto una scelta fuori delle proposte della moda quindi, in effetti, indossi un golfino che è stato selezionato per te dalle persone qui presenti… in mezzo a una pila di roba”.
Così anche voi venite da ParrucchieriAmo e finalmente osate con questi frangettoni, queste asimmetrie queste scelte radicali, mentre nei settimanali sul tavolino a campeggiano servizi moda con titoli tipo: “apri l’armadio di lui e saccheggialo”. Molti uomini giurano che non c’è nulla di più sexy di una donna che gira per casa scalza con indosso il tuo felpone sformato.
jennifer bealsUn escamotage abusato negli anni ottanta. Ricordate Jennifer Beals in Flashdance che sgranocchiava aragosta vestita in smoking, che di fronte alla ex moglie di lui si spoglia lasciandosi solo lo sparato e i polsini? E come non citare la giovanissima Julia Roberts di Mystic Pizza che per la sua prima volta  indossa la camicia enorme del padre di lui nella camera da letto dei genitori?
Tutte quelle che sono state lasciate dal ragazzo e vengono qui a cambiare vita e tagliare capelli si troveranno quindi con il doppio vantaggio di essere alla moda e ultrasexy. Il contrasto può essere fantastico. Iperfemminili, truccate, e poi quel tocco maschile nella giacca, nei mocassini come Amelié.

New-pixie-cutsVia libera a gessati e Bob pixie, abiti pastello e sfumature da Soldatessa, Caschetti scomposti e camice rigide. Poi ci sono tutti i geometrici e bicolori per chi sa portarli, le rockettare eterne che osano riflessi blu, celesti, rosa. Infine tra le mods, ed ecco spuntare quei caschetti leccati alla Beatles.
Se volete prendere ispirazione guardate le dive: le hanno tagliati tutte. Scarlett Johansson, Cate Blanchet, Chalize Theron. Poi ci sono le paladine del corto eterno, come Sharon Stone, una meraviglia di donna.
short-haircut-blueInconsapevolmente anche la figlia di Angelina Jolie è alla moda. Si veste da maschio e quando la giornalista lo fa notare alla madre questa risponde: “Ognuno dei miei figli è una persona. Il genere non c’entra, io non faccio differenze, io li incoraggio solo a essere e a fare quello che li rende felici. Quindi Shiloh è Shiloh e si veste come le pare”. Buon Stile maschile a tutte!

Kristen Stewart e i capelli allo schiaffo

kristenmatita rossaTra le sue pettinature preferite c’è quella allo schiaffo e certo uno glielo tirerei volentieri di quelli ben assestati a Kristen Stewart. “Ah Bella” sarebbe da dirgli e poi sbaaam. Un bel ceffone di quelli che al rallentatore vedi la striscia di saliva con la coda di goccioline e lo sguardo attonito. “E mo che ho fatto?” mi direbbe in american english. E io “Ah Bella… Sarai bella e dannata con tutta questa matita rossa dentro gli occhi e la cera bianca che ti metti in faccia, ma qui noi “grabby” ci piace stare al sole, perché a stare sempre dark a volte si adombra anche il cervello e genera pregiudizi idioti”.
La storia è questa: l’abbiamo invitata a Venezia a promuovere Equals, il film di Drake Doremus presentato in concorso, dove è la protagonista femminile.
Voci di corridoio dicono che non volesse venire e l’hanno convinta quelli della produzione. E’ sì! Pure a me se mi invitassero a Venezia a Settembre mi dispiacerebbe…
Non ha concesso interviste se non fuori dall’Italia. Tra queste quella al The Daily Beast in cui ha affermato che “gli italiani sanno essere davvero arraffoni” (‘grabby’ è il termine usato). “Quando sono in Giappone posso camminare tranquilla per strada e nessuno mi dice nulla. Al contrario in Italia non riesco nemmeno a uscire, perché tutti mi saltano addosso e provano letteralmente a baciarmi e ad abbracciarmi”. Non voglio entrare in analoghi luoghi comuni per parlare discorsi di “misura” riguardanti gli uomini giapponesi, la cui cultura è opposta alla nostra che si concentra sull’anelito alla perfezione del piacere, mentre i nostri maschi vedono nel corteggiamento e nella galanteria un preludio essenziale alla loro stessa affermazione erotica.
Allora mi sono ricordata di una gita con le mie amiche in Austria. 20 ragazze di 18 anni. Entriamo in discoteca e c’erano tutti questi biondoni palestrati. Se fossimo entrate in una discoteca a Riccione non c’avrebbero lasciato respirare, ma quanto ci saremmo divertite? In Austria invece la pista sembrava quella di Holiday on ice. Ancora mi spolvero la brina. Allora qui rivendico una teoria di un caro amico gay. Lui sostiene che il “pisello” (uso termini da mammina, lui non dice proprio così) te lo devi meritare. Se stai a strusciarti in un muro in attesa che qualcuna o qualcuno ti si butti addosso non ne sei degno.
Ora secondo me per le donne vale lo stesso discorso. Alcune non sono degne della loro patata. E non perché siano belle o brutte, perché non ne sono orgogliose. Ecco queste io le prenderei a schiaffi, fossero pure una delle mie figlie. Da qui la scelta dell’acconciatura di Kristen: è pronta per me. Nel caso qualche cretino la inviti di nuovo in Italia, gliela completo bene io la pettinatura con un occhio dark.

ps. Si scherza Bella magari l’occhio dark lo facciamo agli italiani che ti invitano, quello sì

Trend estate: oro ramato, solo se naturale

Un colore oro ra_DSC9991mato, degli stessi riflessi del sole per Ramona. Tra i capelli ci sono degli Swarovski che l’aiutano a rendere il suo colore particolarmente “vivo” e “caldo” soprattutto al tramonto.
Questo colore si può mantenere benissimo per l’estate con degli sporadici toner (dei tonalizzatori tono su tono per ravvivare o intensificare dei riflessi.)

_DSC9974
Parrucchieriamo di solito propone questa o soluzioni simili a ragazze/ donne con la carnagione e gli occhi chiari come Ramona, perché ha un effetto più naturale e perché rientra nella nostra filosofia, aderente al concetto di  “esistete in natura”. Lo chiamiamo così.

A meno che non ci siano richieste diverse, o accordi  in fase di consulenza in cui si valuta anche lo spirito, il carattere, la personalità di chi richiede colori più appariscenti, come i viola, i rosa, i toni pastello che hanno variopinto lo scorso inverno. Bisogna essere certi di una scelta, a quel punto si condivide e si risponde al desiderio. Tenete presente comunque l’impegno che richiede un colore non naturale, in una stagione dove si lavano i capelli ogni giorno o quasi. Quanto poi il contatto con la natura e lo stare all’aria aperta più del solito ci riporti alle tonalità che ci circondano, esaltando al massimo la reale bellezza della persona, sempre nel rispetto della sua fisionomia, la personalità, il look generale, l’incarnato.

Ma ques_DSC9890to le nostre fan  già lo sanno vero?

Surfer Girls

_DSC0024Essere spettinati è un’arte. Passare il tempo al mare passandosi la piastra in cabina facendo saltare la luce a tutto lo stabilimento non è la soluzione per la vostra acconciatura estiva. Anche perché, care amiche, come diceva Sharon Stone, se il parrucchiere è bravo, il taglio regge anche senza piega, che lo rende migliore ma non lo risolve.
In questo shooting dello Studio Per Futili Motivi, abbiamo le modelle: Ramona Pontecchi, Veronica Cafiso, Michela Morsa, e il modello Alessandro Celli. Le acconciatura sono Parrucchieriamo, ovviamente.
Sono tre ragazze con lavori diversi e preparazioni differenziate dal colore e dallo styling, ma tutte con un unico obiettivo: la bellezza ed i capelli sempre al top._DSC0044

Una bella giornata al mare trascorsa con le nostre modelle, ed il nostro bravissimo fotografo scelto tra i nostri preferiti, Fabio Amicucci.
I capelli al mare devono essere così secondo Parrucchieriamo pronti a farsi baciare dal sole, senza preoccupazioni, come noi, perché ci sono i prodotti solari che li proteggono.
Nei prossimi post vi diamo maggiori dettagli su come siamo arrivati a questi colori e pettinature.

_DSC0100